Regolamento

Regolamento

Postato in Associazione

La Scuola dell’Infanzia Paritaria è gestita dall’Associazione Scuola Materna di Cavallasca e pertanto le linee educative che l’insegnamento si propone di perseguire sono quelle che sono alla base dell’Associazione stessa e previste nel suo statuto costitutivo:

  • gestire la Scuola Materna autonoma di ispirazione cattolica aderente alla FISM (Federazione Italiana Scuole Materne)
  • orientare la propria attività all’educazione integrale della personalità del bambino in una visione cristiana dell’uomo, del mondo e della vita;
  • favorire la crescita fisica, intellettuale, sociale e religiosa dei bambini in età pre-scolare, provvedendo all’educazione e all’istruzione nei limiti consentiti dalla loro età.

REGOLAMENTO DI ISCRIZIONE E FREQUENZA

ALLA SCUOLA DELL’INFANZIA

Art. 1

Possono essere iscritti alla Scuola dell’Infanzia i bambini, maschi e femmine, di età dai 3 anni ai 6 anni.

Coloro che compiono 3 anni entro la data prevista dalla normativa per l’anno scolastico di riferimento potranno frequentare a partire dall’inizio dell’anno scolastico. Per la sezione Primavera, e possibile effettuare l’iscrizione del bambino a due anni di età compiuti.

Art. 2

Le iscrizioni sono aperte entro la fine del mese di febbraio secondo modalità e tempi che verranno stabiliti dal Consiglio di Amministrazione. Le iscrizioni nel corso dell’anno scolastico saranno valutate dal CdA dell’Associazione.

Art. 3

Sono ammessi alla Scuola dell’Infanzia tutti i bambini del Comune di San Fermo della battaglia e i non residenti. Qualora il numero delle iscrizioni superi la disponibilità dei posti, saranno privilegiati i bambini già frequentanti, i bambini con fratelli frequentanti, i bambini che hanno frequentato la sezione Primavera, quindi i bambini che compiono i tre anni entro il 31 dicembre dell’anno di riferimento, con precedenza per gli abitanti del Comune, per ordine d’iscrizione, e solo successivamente risulteranno iscritti i non residenti.

Art. 4

Con l’iscrizione il bambino ha diritto alla frequenza dall’inizio di settembre sino alla fine di giugno. Pertanto la famiglia si impegna a pagare entro il giorno 5 di ciascun mese il contributo annuale suddiviso mensilmente in 10 quote. Il mancato concorso al pagamento anche parziale del contributo può comportare, dopo esame del CdA, fino al ritiro del bambino dalla Scuola dell’Infanzia.

Il contributo mensile richiesto ai genitori per le spese di gestione della Scuola dell’Infanzia è stabilito di anno in anno dal CdA dell’Associazione; esso resterà invariato per tutto l’anno e deve essere versato secondo le modalità stabilite dal CdA dell’Associazione.

In caso di ritiro del bambino la famiglia dovrà comunque ottemperare al pagamento del 50% della retta richiesta per tutto il periodo dell’anno scolastico rimanente. Nel caso in cui nella sezione del bambino ritirato inizi la frequenza un nuovo bambino, la famiglia del bambino ritirato verrà esonerata dal sopracitato pagamento dal mese in cui inizierà la frequenza il nuovo iscritto.

Art. 5

Eventuali assenze del bambino, anche prolungate, non determinano alcuna variazione dell’importo.

L’eventuale richiesta di sospensione temporanea, per non meno di due mesi consecutivi, deve essere sottoposta al CdA dell’Associazione; ai genitori dei bambini che, per questo motivo, non frequentano la Scuola dell’Infanzia verrà comunque richiesto di contribuire alla copertura delle spese fisse di gestione della struttura, nella misura del 50% del contributo, per tutto il periodo di sospensione. Per gravi motivi il CdA potrà disporre diversamente.

Art. 6

All’atto dell’iscrizione entrambi i genitori hanno l’obbligo di iscriversi all’Associazione Scuola Materna di Cavallasca, versando nelle casse della stessa la relativa quota annuale stabilita dal CdA. All’atto dell’iscrizione dovrà essere pagata la quota associativa, che è relativa all’anno solare in corso.

Art. 7

I documenti richiesti per l’iscrizione sono (si accettano comunque le autocertificazioni rilasciate da un genitore):

  • certificato di stato di famiglia

  • autocertificazione riguardante le vaccinazioni

  • informativa privacy

Art. 8

Le famiglie sono tenute ad assicurare la regolare frequenza dei bambini iscritti.

Le assenze prolungate devono essere comunicate alle insegnanti. I bambini, che rimangono assenti senza giustificato motivo per un periodo continuativo, potranno essere dimessi dalla Scuola con disposizione del CdA dell’Associazione.

Art. 9

L’orario della Scuola copre l’intera giornata dalle ore 8.30 alle ore 16.

E’ possibile portare i bambini alla Scuola dell’Infanzia a partire dalle ore 8.00 (prescuola su richiesta e a pagamento) e l’entrata è consentita sino alle ore 9.00. I genitori devono affidare il bambino all’insegnante che li accoglie. Qualora ci fossero problemi o informazioni relative allo stato di salute del figlio, c’è la possibilità di comunicarlo, evitando di dilungarsi per non distogliere le insegnanti dal loro compito educativo e di vigilanza.

Dopo l’orario sopraindicato il cancello sarà chiuso. Sono ammessi i bambini dopo le ore 9.00 solo per motivi eccezionali, previo avviso alla Coordinatrice o alle insegnanti.

Il ritiro dei bambini può avvenire dopo le ore 15.30. È possibile uscire dalle ore 13 alle ore 13.30, per favorire particolari necessità del bambino o dei genitori, previo accordo con le insegnanti.

Per i bambini grandi e mezzani si richiede la frequenza dell’intera giornata scolastica.

Solo in caso di necessità si potranno ritirare i bambini al di fuori dei normali orari di uscita, dopo averne data comunicazione alla coordinatrice.

Il ritiro deve essere effettuato dai genitori del bambino o comunque da persone munite di apposita autorizzazione al ritiro se non già in precedenza autorizzate, e comunque maggiorenni.

Art. 10

Le comunicazioni telefoniche con le insegnanti sono consentite nei seguenti orari:

  • dalle 8 alle 9.00;

  • dalle 12.45 alle 13.30.

I colloqui con le insegnanti potranno svolgersi negli orari specificamente comunicati per il ricevimento individuale. Non potranno comunque svolgersi durante l’orario di funzionamento della Scuola dell’Infanzia (dalle 9.15 alle 16.00).

Art. 11

Per coloro che iniziano a frequentare la Scuola dell’Infanzia per il primo anno è previsto un tempo di inserimento la cui durata sarà concordata con le insegnanti, sulla base delle esigenze del bambino; esso sarà caratterizzato da:

– un tempo di compresenza del genitore al momento dell’ingresso mattutino, secondo le modalità e nella misura concordate con le insegnanti;

– un orario giornaliero ridotto, per un periodo stabilito con le insegnanti, per cui il genitore ritirerà il proprio bambino subito prima dell’orario di pranzo e cioè alle ore 11.30.

Art. 12

Per i bambini della sezione 3-4 anni è possibile un momento di riposo pomeridiano su apposite brandine fornite dalla Scuola. E’ indispensabile pertanto che ognuno porti il proprio cuscino e coperta.

Art. 13

La mensa è allestita per le ore 12 ed è predisposta attraverso un menù unico e uguale per tutti conforme alla tabella dietetica fornita dalla Ats competente. Esclusivamente in caso di allergia e/o intolleranza alimentari, certificate dal medico competente con apposita modulistica fornita da Ats, verrà garantita una pietanza alternativa.

Art. 14

Non è consentito ai bambini consumare nella Scuola vivande portate da casa (biscotti, merendine. focacce, ecc.) e si invitano i genitori a non lasciare in mano ai propri figli caramelle o gomme da masticare.

Art. 15

L’occorrente richiesto per ogni bambino è il seguente:

  • 1 foto del bambino formato 10×15 (verticale);

  • zainetto da portare ogni giorno;

  • una confezione di fazzoletti di carta come scorta;

  • un cambio completo per il bambino (biancheria intima e tuta), da lasciare nell’armadietto per far fronte a qualsiasi evenienza;

  • un paio di pantofoline;

  • una borraccia.

Art. 16

La Scuola dell’Infanzia possiede vari giochi adatti a tutte le età.

I genitori sono pregati di non far portare alla Scuola dell’Infanzia giochi personali della cui eventuale sparizione o rottura la medesima Scuola non è responsabile.

Art. 17

L’attività didattica della Scuola dell’Infanzia è organizzata dalle Insegnanti tenendo in considerazione le indicazioni ministeriali secondo le finalità ed il progetto educativo di cui l’Associazione Scuola Materna è portatrice. Pertanto i momenti educativi proposti durante l’orario scolastico non possono essere scelti o esclusi singolarmente o essere richiesti attività e percorsi educativi alternativi.

Cavallasca, 16 settembre 2020

 

Menu

Clicca qui

Newsletter